Concetto e visione. L’immagine sospesa.

Concetto e visione. L’immagine sospesa.

Donato Amstutz

26 febbraio – 3 aprile 2011

Il CACT Centro d’Arte Contemporanea Ticino inaugura sabato 26 febbraio la prima esposizione personale di Donato Amstutz.
 Parigino d’adozione, l’artista svizzero affronta e realizza da anni il suo lavoro in maniera consequenziale, laddove, solo apparentemente, lo stilema scelto ci induce verso la tradizione della rappresentazione pittorica.

CONCETTO E VISIONE. L’IMMAGINE SOSPESA è il titolo che ho scelto per presentare questa mostra, proprio a suggerire i diversi aspetti del procédé artistico di Amstutz, che torna in maniera centripeta verso la (con)figurazione dell’uomo e della sua esistenza, in bilico tra analisi della realtà e visione. Osservatore acuto e preciso, l’incipit del suo lavoro prende viepiù forma dallo studio antropologico della Storia e delle storie di ognuno di noi, attraverso la raccolta e il recupero sistematico di immagini comuni e talvolta banali; spesso fotografie collezionate dalla cronaca giornalistica o da riviste vintage, che l’artista prende in considerazione e approfondisce a partire dai tanti volti caduti nell’anonimato. La sua è una verace reazione del soggetto ‘uomo’ all’iperproduzione di immagini.

Sul mezzo giornalistico egli si sofferma più di altri, nella sua riflessione, segno di un tempo della liturgia, della reiterazione e riproducibilità, e dell’elaborazione/manipolazione politica della realtà riflessa …mezzi di comunicazione di massa, Internet compreso, ch’egli filtra e fa sue, concentrandosi prevalentemente sulla produzione giornalistica, quale elemento di fragilità votata al disfacimento.

Amstutz colleziona, isola e taglia fotografie in bianco e nero tratte da quotidiani, mezzo di comunicazione democratico e informativo per eccellenza, e realtà di un giorno. Lo fa, consapevole che il domani sarà un altro giorno. Catturare queste immagini, decontestualizzarle, decostruirne il significato originale e ricostruirne un significato sublime, ri-fotocopiarle ingrandendone l’effetto offset, è il procédé primo dell’artista. Egli lo fa per entrare nell’immagine ridandole senso, e con lo scopo di ricollocare l’uomo entro il confronto con la post-contemporaneità che ci circonda.

L’universo della tecnica e della tecnologia ha sicuramente riconfigurato le nostre modalità d’osservazione, dando vita ad una nuova estetica che attinge al mondo liturgico delle immagini riflesse.
 La consistenza del materiale cartaceo d’origine viene coerentemente ripresa dall’artista con la leggerezza del cotone bianco, su cui l’artista ricama a mano le sue figure – perlopiù volti di donne – lentamente e con una perseveranza estenuante piacevolmente artigianale… come un vecchio ricamatore al suo telaio, che, nell’atto del fare e del riprodurre ferma il tempo virtuale per riappropriarsi di quello reale.

Questo è il fine principe di Amstutz.
 A più riprese ho scritto di quanto l’arte abbia saputo ancora una volta e sempre dimostrare la sua totale incapacità di adattamento e integrazione al mondo reale, nello specifico di una società borghese fortemente connotata da una virtualizzazione recrudescente; se non subirne i diktat molto spesso impostisi attraverso i molteplici modelli estetici. 
Egli si oppone alla macchina, strumento politico per la sottomissione dell’uomo: Amstutz si contrappone alla capacità dell’apparato, del mondo della produzione esagerata d’immagini destinata alla mistificazione e all’effimero, di privarci di visione e umanità. Le sue donne, i suoi personaggi finora anonimi, ricamati con paziente e ossequiosa dedizione riproducendo il sistema offset, riacquistano una identità e un valore umano soggettivi; Donato Amstutz ricostituisce la possibilità dello spettatore di ritrovarsi, di ritrovare intimamente l’anima persa nella moltitudine.

Mario Casanova, 2011

Ph. Pier Giorgio De Pinto © PRO LITTERIS Zürich e Jürg Waldmeier.

Dove

MACT/CACT

Arte Contemporanea Ticino

Via Tamaro 3, Bellinzona.

Orari

Venerdì, sabato, domenica

14:00 – 18:00

Ingresso

CHF 5.00

Utilizziamo i cookie per offrirvi una migliore esperienza online, analizzare il traffico del sito e personalizzare i contenuti. Dando il vostro consenso, ne accettate l'uso in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

When you visit any web site, it may store or retrieve information on your browser, mostly in the form of cookies. Control your personal Cookie Services here.

These cookies are necessary for the website to function and cannot be switched off in our systems.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi