Olivier Mosset

Olivier Mosset

Durante la mostra è proiettato nella libreria il film OLIVIER MOSSET, UN ARTISTA SVIZZERO IN AMERICA (1997), per la regia di Danilo Catti.

18 aprile – 13 giugno 1999

Sabato 17 aprile 1999 alle ore 17.30 s’inaugura, presso il Centro d’Arte Contemporanea Ticino a Bellinzona, l’esposizione dedicata all’artista Olivier Mosset.

L’autore svizzero trapiantato negli Stati Uniti, dalla sua partecipazione alla Biennale di Venezia all’inizio degli anni ‘90, conta tra gli artisti confederati più importanti nell’ambito della pittura, la cui carriera ha ben presto valicato le frontiere del nostro paese. In ambito storico, l’opera di Olivier Mosset ha assunto un ruolo rilevante da quando – alla fine degli anni ’60 – ha dato vita con Daniel Buren, Michel Parmentier e Niele Toroni a quel movimento di pensiero ed artistico, nato dall’esigenza di purificazione dell’atto pittorico. Ciò coincideva con le nuovissime tendenze dell’arte americana, capeggiata da artisti quali Robert Ryman e altri.

È però solo nel decennio seguente, che Mosset – il cui lavoro è anche conseguenza della Minimal Art americana – inizierà a creare le ormai famose tele monocrome, analizzando e mettendo così in evidenza l’esistenza della pittura di là dal soggetto (o dell’oggetto) rappresentato e dove l’utilizzo del supporto tradizionale (la pittura appunto con tela, colori e pennelli) celebra le emozioni insite nell’atto pittorico stesso.

L’esposizione bellinzonese – che precede quella estiva dedicata a lui e a Cady Noland presso il Migros Museum für Gegenwartskunst a Zurigo – costituisce una sorta d’installazione in situ, in parte concepita per gli spazi del Centro d’Arte Contemporanea Ticino, e rientra a pieno titolo nel ciclo di manifestazioni che l’Istituto ticinese ha dedicato e dedica ad artisti svizzeri internazionalmente riconosciuti quali Martin Disler, Roman Signer e altri.

A complemento della mostra, nella biblioteca del Centro d’Arte Contemporanea verrà presentato in permanenza il film Olivier Mosset, un artista svizzero in America (1997) del regista Danilo Catti.

L’esposizione, che si protrarrà fino al 13 giugno 1999, è aperta al pubblico da martedì a domenica, dalle 15.00 alle 19.00.

Per ulteriori informazioni si prega di mettersi in contatto con il Centro d’Arte Contemporanea Ticino al numero telefonico suindicato.

Mario Casanova, 1999

Ph Francesco Girardi.

Dove

CACT Centro d’Arte Contemporanea Ticino

Via Tamaro 3, Bellinzona.

Orari

Venerdì, sabato, domenica

14:00 – 18:00

Ingresso

CHF 5.00

Utilizziamo i cookie per offrirvi una migliore esperienza online, analizzare il traffico del sito e personalizzare i contenuti. Dando il vostro consenso, ne accettate l'uso in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

When you visit any web site, it may store or retrieve information on your browser, mostly in the form of cookies. Control your personal Cookie Services here.

These cookies are necessary for the website to function and cannot be switched off in our systems.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi