Passaggi – Fotografia Italiana nell’Arte Contemporanea della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo per l’Arte di Torino.

Passaggi – Fotografia Italiana nell’Arte Contemporanea della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo per l’Arte di Torino.

Francesco Bernardi / Paola De Pietri / William Guerrieri / Luisa Lambri / Stefania Levi / Turi Rapisarda / Marco Signorini.

A cura di Antonella Russo

7 dicembre 1996 – 2 febbraio 1997

PASSAGGI – Fotografia nell’arte contemporanea italiana.

Il Centro d’Arte Contemporanea Bellinzona presenta dall’8 dicembre 1996 al 2 febbraio 1997 la mostra PASSAGGI – Fotografia nell’arte contemporanea italiana, comprendente una selezione di 36 opere di giovani fotografi italiani commissionate e prodotte dalla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo per l’Arte Torino.

La manifestazione, oltre a significare un importante scambio culturale italo-svizzero, mette in evidenza gli aspetti stilistici, formali e di contenuto della produzione fotografica italiana inserita nel contesto europeo odierno. L’uso del mezzo fotografico – quale pretesto per una nuova rappresentazione – ha senza dubbio radici storiche a partire in particolare dagli anni ’70 e tende a fare luce all’interno della mostra PASSAGGI sull’uso attuale dei mezzi di comunicazione attraverso l’immagine elettronica, video-televisiva e cinematografica. Gli artisti presenti in mostra FRANCESCO BERNARDI, PAOLA DE PIETRI, WILLIAM GUERRIERI, LUISA LAMBRI, STEFANIA LEVI, TURI RAPISARDA e MARCO SIGNORINI sono ispirati da una nuova ricerca di valori e di mezzi espressivi tipicamente valorizzata e influenzata dagli avvenimenti sociali di quest’ultimo decennio del secolo e del millennio.

Infatti la banalità e la violenza quasi insostenibile ed esagerata delle immagini quotidiane – siano esse televisive, pubblicitarie o altro – servono da stimolo per i giovani creatori degli anni ’90 spinti verso una ricerca più profonda di valori contenutistici. L’incomprensione del gioco dei poteri politici, sociali e culturali – e di cui tutti noi siamo costantemente oggetto e vittime predestinate – sprona gli artisti verso la necessità quasi ossessiva di una maggiore autodefinizione attraverso l’espressione del proprio corpo, degli intimi comportamenti quotidiani (e delle loro alterazioni) e l’affermazione delle proprie claustrofobie con l’uso di mezzi produttivi inequivocabilmente legati all’immagine cinetica in generale (immagine virtuale, cinematografica, ecc.).

La mostra PASSAGGI – che è stata curata da Antonella Russo – è la terza tappa di una serie di eventi culturali già realizzati in precedenza alle Arcate dei Murazzi a Torino e alla Maison d’ltalie a Parigi. Essa è inoltre accompagnata da un catalogo edito da Masoero Edizioni d’Arte Torino, in cui compaiono interventi critici di Antonella Russo e Jean Fisher.

Ph MACT/CACT.

Dove

CACT Centro d’Arte Contemporanea Ticino

Via Tamaro 3, Bellinzona.

Orari

Giovedì – domenica

14:00 – 18:00

Ingresso

Gratuito

Utilizziamo i cookie per offrirvi una migliore esperienza online, analizzare il traffico del sito e personalizzare i contenuti. Dando il vostro consenso, ne accettate l'uso in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

When you visit any web site, it may store or retrieve information on your browser, mostly in the form of cookies. Control your personal Cookie Services here.

These cookies are necessary for the website to function and cannot be switched off in our systems.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi